Rate this post

Doraemon da colorare e stampare per bambini – DDC123

Doraemon è uno spettacolo giapponese con un gatto robot del futuro. È divertente, emozionante e pieno di amore quando Doraemon trova la sua famiglia con la famiglia Nobi. Segui le avventure quando Doraemon si unisce ai suoi amici con l’aiuto di gadget futuristici. Stampa tutte le nostre disegni da colorare gratuitamente.

Doraemon da colorare per bambini

1. Cosa significa Doraemon?

“Dora” è un gioco di parole. Può significare “randagio” in giapponese e ha connotazioni di essere indesiderato. Significa anche “gong”, un riferimento al corpo rotondo di Doraemon, e al suo cibo preferito, i dorayaki (frittelle dolci giapponesi con ripieno di fagioli rossi).

“Emon” è un suffisso arcaico per i nomi maschili.

2. Quando è stato creato Doraemon?

A differenza di Hello Kitty, Doraemon è decisamente un gatto, ma perché non ha le orecchie?

Il robot è arrivato con le orecchie di gatto ed è stato dipinto di giallo quando è stato prodotto per la prima volta in fabbrica il 3 settembre 2112 e il suo codice di produzione era MS-903.

Il film 2112: La nascita di Doraemon (1995) fornisce una storia dettagliata della sua genesi e dei suoi problemi come robot difettoso.

In poche parole, i topi robot si sono mangiati le orecchie, dandogli una fobia per i roditori. Triste e tramato dal calvario, singhiozzò fino a diventare blu. Anche la sua voce divenne roca per tutto il pianto.

3. Come è finita Doraemon nel presente?

È stato mandato indietro nel tempo dal suo proprietario Sewashi Nobi per aiutare il suo maldestro nonno Nobita, che aveva gravato di debiti sui suoi discendenti a causa delle sue scelte sbagliate.

In una famosa scena del manga originale, che ha debuttato nel 1969, il robot appare dal cassetto della scrivania di Nobita.

4. Esistono gadget Doraemon nella vita reale?

Si stima che circa 4.500 gadget abbiano fatto la loro comparsa nelle migliaia di fumetti, cartoni animati e film basati su Doraemon.

Sebbene la Anywhere Door, che consente all’utente di viaggiare in qualsiasi luogo desideri, è ancora fuori portata, nel 2010 è stata organizzata una mostra che ha mostrato come la tecnologia moderna potrebbe avvicinarsi alle meraviglie che emergono dalla tasca dello yogi di Doraemon (tasca a quattro dimensioni ).

Includevano un mantello dell’invisibilità che consente a chi lo indossa di diventare trasparente, micro robot medici e un sensore di onde cerebrali che ricorda la Dream TV che il gatto usava per vedere i sogni degli altri.

Un gadget che è una realtà oggi è la stampante 3D, che è apparsa in un episodio del fumetto come “Mecha-maker”.

5. Chi è il creatore di Doraemon?

Doraemon è la creazione di Hiroshi Fujimoto e Motoo Abiko. Il duo era conosciuto con il loro pseudonimo Fujiko Fujio. Hanno disegnato molti manga insieme dal 1951 al 1987 quando si sono separati.

L’idea per Doraemon è nata da un trio di incidenti accaduti a Fujimoto: era inciampato nel giocattolo di sua figlia; ha sentito una rissa di gatti del vicinato; e desiderava una macchina che lo aiutasse a inventare un nuovo concetto di manga, secondo vari resoconti.

Fujimoto morì di insufficienza epatica all’età di 62 anni nel 1996.